Il capodanno di una volta

C’era una volta, il concerto di capodanno, anzi di pre-capodanno, insomma quelle manifestazioni “aspettando il capodanno” per intenderci.
Mi sono chiesto come sia umanamente possibile sopportare le canzoncine “pepepepepe” e i trenini.
Mah
Si festeggiava l’arrivo del 1998, esattamente 10 anni fa, con una grande performance, di David Gilmour e BB King.
Sarò antico, ma concludo dicendo

“Non ci sono più i capodanni di una volta…”

Chissà se qualcuno ieri sera da qualche palco avrà intonato un must, immancabile come “l’anno che verrà” di Lucio Dalla.
Io credo di si.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Tags: , , , , , ,

  1. pibua’s avatar

    allora mi sa che sono antica anch’io! 🙁

    Auguri sinceri di buon 2008!

  2. Stormy’s avatar

    Auguri anche a te!
    E meno male che le feste anche per quest anno sono finite, a me babbo Natale ha portato come dono, 3 kg in più…

  3. simon’s avatar

    Non vorrei fare l’antipatica e rovinarvi l’angolino nostalgico, ma quando si comincia a fare certi discorsi non è perché il mondo si sia irrimediabilmente corrotto (anche mio padre rimpiange i capodanni di una volta e non solo) ma perché si sta irrimediabilmente invecchiando…

  4. Stormy’s avatar

    E’ vero che si invecchia però ammetterai che c’era una sostanziale differenza, se non altro in fatto di musica…
    Nel 98, da noi, molto probabilmente si cantavano le stesse canzoncine di adesso
    ossia Village People, Charlie Brown, e silmilia.

Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.