Parallel parking system

Non si tratta di un progetto nuovo, risale infatti al 2006, ed è stato realizzato da un gruppo di cinque studenti dell’università di Toledo.
Devo dire che è davvero ingegnoso, quanto semplice, utile sopratutto a tante donne, che piuttosto che avventurarsi in un parcheggio in retromarcia, preferiscono girare a vuoto per ore…
Non che io sia un gran pilota eh…


Via Hack A Day
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Tags: , , , , , , , , ,

  1. Emanuele’s avatar

    Innanzitutto la manovra “tradizionale” che han fatto vedere li, sembra fatta da uno stupido. Mezzo km all’ora, quasi a voler prendere tempo.
    Inoltre questo sistema, è ingegnoso ma ruba spazio all’abitacolo e sicuramente va corredato da sensori per evitare che ruotando, l’auto finisca su qualcos’altro… infine credo che chi non è neanche in grado di posteggiare un’auto debba valutare realmente se sia il caso che si metta alla guida. Non ci vuol niente a metter sotto qualcuno… 😐
    Ciao,
    Emanuele

  2. Stormy’s avatar

    Beh certo, andrebbe affinato come sistema, però a me sembra piuttosto comodo, vuoi mettere?
    Entri con il muso e hai risolto, niente torcicollo, nulla, ovviamente le precauzioni per non mettere sotto qualcuno valgono sempre, in ogni momento quando si è alla guida.
    Comunque, diciamo che non siamo di fronte ad una invenzione di quelle che ti cambiano la vita….

Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.