Qualcuno la pensa come me

Dopo la tragedia del terremoto, si è sentito parlare o meglio sparlare di “emergenza abruzzo”, beh io, andrò controcorrente, ma l’emergenza tanto sbandierata, non l’ho vista, i materiali, le tende, la protezione civile e tutti quanti, hanno fatto il loro dovere, come è giusto che sia, ma l’emergenza non è mai esistita, si è fatto leva sul sentimento comune di solidarietà, demandando ai cittadini, quello che sarebbe stato del governo, ossia scucire la grana.
Ecco perchè non ho dato e non darò un solo euro, e non per cattiveria o insensibilità, ma semplicemente, perchè pago, e ho sempre pagato le tasse, le quali servono anche a finanziare, la protezione civilee tutto il resto.
Andassero a prenderli dagli evasori fiscali i soldi, dal momento che questo governo fa poco o nulla per contrastarli.

Oltretutto riusciranno per colpa della lega, a buttare al vento 420 milioni di euro, evitando l’accorpamento del referendum.

photo credit ErMaphia

[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. Emanuele’s avatar

    Sono d’accordo con te circa il referendum e i soldi buttati, io però un soldo dalla tasca lo esco. Non è il momento di far polemica questo, soprattutto quando soldi in meno (nolenti o volenti) significano difficoltà in più per persone che sicuramente non staranno attraversando (soprattutto psicologicamente) dei momenti facili.
    Poi se è il caso di discutere su chi e come doveva sborsare i soldi, lo farò. Però intanto preoccupiamoci di quelle persone.
    Ciao,
    Emanuele

  2. Stormy’s avatar

    In questi casi è lo stato che dovrebbe sopperire a tutte le esigenze, come ho detto, anche con i soldi delle tasse, che pago da sempre.
    Il fatto che venga demandato alle offerte dei cittadini significa che lo stato ha fallito, ovvero non c’è.
    Che poi scatti un sentimento spontaneo di solidarietà è cosa normale e comprensibile, io francamente non ne vedo l’esigenza, o meglio “l’emergenza” tanto erroneamente sbandierata in questi giorni.

  3. Danx’s avatar

    Siccome lo Stato ha soldi per il Ponte sullo Stretto, è giusto che li tiri fuori lui per queste emergenze, mettendo il ponte in secondo piano e insieme a lui tutte le altre industrial schifezze

  4. Stormy’s avatar

    Giusto Danx io mi sono chiesto spesso (e trovo strano che nessuno ne abbia accennato), che cosa sarebbe successo se nei pressi dell’Aquila ci fosse stata una splendida centrale nucleare.
    Da brividi…

Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.