Kodachrome addio

La Eastman Kodak Company, la casa produttrice della famosa pellicola Kodachrome, ha deciso di fermarne la produzione.

Lanciata sul mercato nel 1935, ha sempre riscosso un grandissimo successo per via dei colori saturi, che la contraddistinguono.

Alcune foto scattate con tale pellicola sono entrate nella storia come quella di Steve McCurry che rappresenta una ragazza afgana, apparsa sulla copertina del National Geographic.

Anche Paul Simon ne ha parlato in una sua canzone…

Kodachroooome

They give us those nice bright colors

They give us the greens of summers

Makes you think all the world’s a sunny day, oh yeah

I got a Nikon camera

I love to take a photograph

So mama don’t take my Kodachrome away

Alcuni link:

photographyblog

Kodacrome project

[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. Emanuele’s avatar

    Amo la tecnologia ma dispiace quando si leggono notizie simili. Sta diventando tutto sempre più digitale, sempre più pixellato, sempre meno analogico. Finiremo in un mondo stile matrix…
    Ciao,
    Emanuele

  2. Dario’s avatar

    Ciao,
    Io adoro la pellicola e dalla pellicola ero passato al digitale e poi sono ripassato alla pellicola. La pellicola ha una qualità e dei colori eccezionali uguali alla realtà. La pellicola b e n è una pellicola straordinaria e credo pure quella infrarossa. Mi piace tanto la camera oscura, ma presto voglio sviluppare e stampare anche il colore, C41, E6, RA-4 e anche il processo ilfochrome. Ho sempre sentito che la pellicola Kodachrome è una pellicola fantastica e stupenda ed ha dei colori straordinari. Un mesa fa ho letto la storia e la sua composizione infatti è una pellicola diapositiva a colori speciale, rispetto alle altre pellicole in commercio sia in questo periodo che nel passato. Ho letto pochi minuti fà la notizia che hanno interotto la sua produzione e sono rimasto letteralmente scioccato. Avevo letto notizie sul procedimento per sviluppara e tra poco volevo comprarla e scattarla e mandarla al laboratorio. Poi ho anche la passione di preparare le formule chimiche fotografiche. Hanno cancellato molte formule chimiche e quindi compro i vari materiali e me le preparo da solo.
    Il digitale è utile per alcune cose, per esempio per i giornalisti che devono inviare le foto immediatamente, ma per il resto no. La gente che scatta foto non per lavoro non capisce niente, soprattutto gli studenti (pure io sono uno studente ma non sarò mai come loro) e pure i professionisti utilizzano il digitale.
    Le foto con il sensore sono pessime e poi non c’è più manualità e fa tutto la fotocamera e/o la stampante e/o il PC. Mi piace la tecnologia ma per la fotografia quosto per la pellicola.
    Maledetti quelli della Kodak e in questi anni ci sono state pessime notizie su moltissimi prodotti di varie marche e cioè che questi prodotti non li produco più, però questa notizia sulla Kodachrome le batte tutte.
    Vorrei tanto che la fotografia digitale andasse in crisi.
    P.S. le stampanti per pc pure quelle fotografiche professionali fanno letteralmente schifo.
    W la Pellicola, W la Camera Oscura, W la Carta fotografia e W la chimica.

  3. Stormy’s avatar

    Non drastico al punto di dire che le foto fatte con un sensore sono pessime, sono semplicemente due cose differenti, ma anche il digitale ha grandissime qualità.
    Per le formule chimiche, beh ammiro la tua passione, che ti spinge al punto di preparare le miscele, ci vuo,e davvero molta applicazione.
    Io purtroppo non stampo, sviluppo in casa il b/n e anche il colore

Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.