Film

You are currently browsing the archive for the Film category.

Home

Il trailer del film di Yann Arthus Bertrand, fotografo di fama mondiale, sopratutto per via delle spettacolari fotografie della nostra terra vista dall’alto.


Su youtube ho trovato stranamente pure la versione integrale del film, ed è addirittura embeddabile e quindi la inserisco qui sotto, per i piu volenterosi o con un po di tempo a disposizione, visto che dura un’ora e mezza…
Io non l’ho ancora visto ma credo proprio che ne valga la pena e non mancherò.


Come non detto, non è disponibile, ma si può vedere a questo indirizzo
http://www.youtube.com/watch?v=jqxENMKaeCU
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Finalmente, ieri sera, l’attesissimo inizio della quinta stagione di Lost, la serie televisiva americana, che come non succedeva dai tempi del mitico X-Files, mi tiene incollato al video, tanto che non ne ho perso nemmeno un episodio.
Già lo ammetto, è un mio punto debole, seguo Lost.
Grande puntata, si svela il motivo per il quale John Locke è morto, ed è per fare in modo che i naufraghi salvati, possano ritornare sull’isola, dove si manifestano degli strani salti temporali.
Ecco quindi spiegati tanti episodi sin dalle prime puntate, come il fatto che Locke riprenda a camminare seppur paralizzato, oppure di come Ben abbia permesso con tanta disinvoltura l’uccisione di sua figlia.
Sempre piu intrigato e intrigante, anche se ad essere sincero, sta diventando un pò cervellotico e complicato da seguire.
Hanno perfettamente ragione quelli che affermano che se perdi una puntata sei finito…


[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , ,

My lady story

Un brano che mi ha colpito molto, quando tempo va vidi il film “l’amico di famiglia” intitolato “my lady story”, e che recentemente ne ho scoperto l’autore, ovvero Antony and the Johnsons.
Si tratta di un film bellissimo, per la regia di Paolo Sorrentino, con uno strepitoso Giacomo Rizzo, che molti ricorderanno per le sue interpretazioni in diversi trash-movie degli anni 70.
Ecco, questo brano forse non vi dirà nulla, ma vi assicuro che nel contesto del film è parecchio suggestivo, anche per via della voce molto particolare di questo artista.
Se volete saperne di piu sul film leggetevi la recensione oppure ascoltatevi il brano.


[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Control

Control, un film bellissimo che ho avuto modo di vedere in lingua originale, parla della vita di Ian Curtis leader e cantante dei Joy Division, morto suicida all’età di 23 anni.
La regia è di un grandissimo fotografo Anton Corbijn, il film, non a caso è girato in bianco e nero ed alcune scene sono a dir poco spettacolari per le inquadrature e le soggettive.
Ne avevo già parlato in questo post, ma non lo avevo ancora visto, fino a ieri sera


Ne sono letteralmente entusiasta e torno a ripeterlo si tratta di un film bellissimo.
Da vedere assolutamente.
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

ian curtis

Control, un film sulla vita di Ian Curtis, cantante dei Joy Division morto suicida il 18 maggio 1980, alla vigilia del loro primo tour negli Stati Uniti.
Il film vede l’esodio come regista del fotografo olandese Anton Corbijn, celebre per le sue fotografie e collaborazioni con cantanti famosi e tra le altre cose, anche per la realizzazione delle copertina di The Joshua Tree degli U2.
Il film è stato presentato a Cannes nel 2007 riscuotendo un grande successo di critica ed è imminente la pubblicazione anche in Italia.
Dopo la morte di Ian Curtis, il suo nome entrò nella leggenda, e i restanti componenti del gruppo fondarono i New Order.
La sceneggiatura è stata tratta direttamente da Touching From A Distance, la biografia di Curtis scritta dalla moglie Deborah e pubblicata in Italia da Giunti con il titolo di Così vicino così lontano.
Poco più che sconosciuto l’attore che interpreta Curtis, Sam Riley, così come gli altri membri del cast, a eccezione di Samantha Morton, che veste i panni della moglie.
Girato in un bianco e nero che i fan di Corbjin ben conoscono, il film ripercorre la vita di Curtis in maniera fedele al libro scritto dalla moglie, che nelle pagine di Così vicino così lontano faceva pochi sconti allo scomparso marito, raccontando senza ipocrisie il suo carattere impossibile e i suoi tradimenti.
Celebre anche la frase che la moglie fece scrivere sulla sua lapide, ossia “Love will tear us apart” (l’amore ci separerà)

Davvero un film che merita di essere visto eccone il trailer

Control – The official movie website
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , ,

la vita segreta delle paroleProdotto da Pedro Almodovar, con la regia di Isalbel Coixet, la storia di Hanna, interpretata dalla bella Sarah Polley, una ragazza sempre seria, taciturna, ma grandissima lavoratrice in uno stabilimento tessile, e non udente.
Il suo capo, un giorno le consiglia di prendersi una vacanza di un mese, e lei si ritrova casualmente (grazie ai suoi trascorsi come infermiera) su una piattaforma petrolifera in mezzo all’oceano, per assistere Josef (Tim Robbins) fortemente ustionato e reso cieco in modo temporaneo da un incidente nel quale perde la vita un operaio.
La storia, un pò lenta forse, si sviluppa tutta sull’amicizia e le confidenze che Josef riesce a strapparle (non senza difficoltà visto il suo riserbo) fino a scoprire le atrocità subite nel suo passato.
Come già detto si tratta di un film un pò lento, ma abbastanza bello e merita la visione (ovviamente è un parere personale…)
Ecco una recensione da chi è più bravo di me in queste cose…
Sito ufficiale La vida segreta de las palabras
Sarah Polley [dot] org

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , ,

la vita segreta delle paroleProdotto da Pedro Almodovar, con la regia di Isalbel Coixet, la storia di Hanna, interpretata dalla bella Sarah Polley, una ragazza sempre seria, taciturna, ma grandissima lavoratrice in uno stabilimento tessile, non udente.
Il suo capo, un giorno le consiglia di prendersi una vacanza di un mese, e lei si ritrova casualmente (grazie ai suoi trascorsi come infermiera) su una piattaforma petrolifera in mezzo all’oceano, per assistere Josef (Tim Robbins) fortemente ustionato e reso cieco in modo temporaneo da un incidente nel quale perde la vita un operaio.
La storia, un pò lenta forse, si sviluppa tutta sull’amicizia e le confidenze che Josef riesce a strapparle (non senza difficoltà visto il suo riserbo) fino a scoprire le atrocità subite nel suo passato.
Come già detto si tratta di un film un pò lento, ma abbastanza bello e merita la visione (ovviamente è un parere personale…)
Ecco una recensione da chi è più bravo di me in queste cose…
Sito ufficiale La vida segreta de las palabras
Sarah Polley [dot] org

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: ,

Newer entries »