Vista

You are currently browsing articles tagged Vista.

Dalla Croazia una rivista online free dedicata alla fotografia, molto interessante, peccato non abbia un feed o una newsletter per restare aggiornati alle ultime uscite.
Da scaricare e visionare, anche gli arretrati, perchè ne vale la pena ovviamente a mio parere.
Bulb Magazine
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Exposure è una interessante rivista online di fotografia con sede nel sud-est asiatico e piu precisamente in Indonesia, in lingua inglese, gratuita.
Dedicata a professionisti, ma anche a fotoamatori, viene pubblicata con cadenza mensile, è come ho detto liberamente scaricabile e stampabile.
Basta semplicemente scegliere il formato che preferite, tra small, medium e large, dall’archivio.
Un poco alla volta, quando ho voglia di leggere qualcosa me le sto scaricando tutte…
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Si tratta di un interessante progetto nel quale si abbandonano alcune fotocamere a rullino, nei posti piu strani, corredate di istruzioni e recapiti, e con l’annuncio ben in vista “raccoglimi”.
Chi la trova, è tenuto a scattare alcune fotografie e poi allo stesso modo rilasciarla in giro, o comunque a passarla a qualcun altro, altrimenti di rispedirla al mittente.
Una volta finito il rullino, mi pare di capire che venga richiesto di svlilupparlo, e di mandare le foto, o di pubblicarle online.
Una sorta di bookcrossing insomma, e si può anche partecipare, rilasciando una fotocamera, seguendo le istruzioni che trovate in questa pagina.
Interessante comunque no?

disposablememoryproject.org

photo credit slightly confused
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Vivo e vegeto

Ho un poco rallentato, anzi è da un pò che non posto nulla, ma è dovuto al fatto che da qualche giorno ho un giocattolino per le mani che quasi mi toglie il sonno.

Parlo del Neo FreeRunner (ex Neo1973) uno smartphone completamente opensource basato su linux OpenMoko.

Inutile dire che vista la scarna dotazione di default, ho iniziato fin da subito a smanettarci e ad installare una distro alternativa, la SHR.

E’ stato definito “l’ anti iPhone” per via delle caratteristiche open, totalemte opposte a quelle dalla Apple, tuttavia devo ammettere che è ancora un pò immaturo, ossia ci sono diversi bug, ma per fortuna c’è una nutrita comintà di sviluppatori e appassionati con nuove release giornaliere.

Insomma per un pò ho trovato come passare il tempo, e finchè non avrò raggiunto una configurazione ottimale (Gps, accelerometro, e un sacco di altre applicazioni) non sarò soddisfatto.

[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Home

Il trailer del film di Yann Arthus Bertrand, fotografo di fama mondiale, sopratutto per via delle spettacolari fotografie della nostra terra vista dall’alto.


Su youtube ho trovato stranamente pure la versione integrale del film, ed è addirittura embeddabile e quindi la inserisco qui sotto, per i piu volenterosi o con un po di tempo a disposizione, visto che dura un’ora e mezza…
Io non l’ho ancora visto ma credo proprio che ne valga la pena e non mancherò.


Come non detto, non è disponibile, ma si può vedere a questo indirizzo
http://www.youtube.com/watch?v=jqxENMKaeCU
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Dopo la tragedia del terremoto, si è sentito parlare o meglio sparlare di “emergenza abruzzo”, beh io, andrò controcorrente, ma l’emergenza tanto sbandierata, non l’ho vista, i materiali, le tende, la protezione civile e tutti quanti, hanno fatto il loro dovere, come è giusto che sia, ma l’emergenza non è mai esistita, si è fatto leva sul sentimento comune di solidarietà, demandando ai cittadini, quello che sarebbe stato del governo, ossia scucire la grana.
Ecco perchè non ho dato e non darò un solo euro, e non per cattiveria o insensibilità, ma semplicemente, perchè pago, e ho sempre pagato le tasse, le quali servono anche a finanziare, la protezione civilee tutto il resto.
Andassero a prenderli dagli evasori fiscali i soldi, dal momento che questo governo fa poco o nulla per contrastarli.

Oltretutto riusciranno per colpa della lega, a buttare al vento 420 milioni di euro, evitando l’accorpamento del referendum.

photo credit ErMaphia

[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ecco come procederò in questa avventura, ovvero come scrivere una pseudo-guida senza saperne una cippa….
Ho già avuto qualche piccola esperienza con lo sviluppo di pellicole in bianco e nero, quindi non ho avuto bisogno di procurarmi tutto il necessario.
Quello che serve è

  • La tank nel mio caso una Paterson a 2 spirali
  • Un termometro, meglio se elettronico o comunque di una certa precisione
  • I chimici (kit Ornano)
  • Caraffe graduate (almeno 4 visto che è un processo a 4 bagni)

Ho acquistato alcuni rullini colore scaduti dal 2006, però a pensarci bene credo di aver sbagliato, per il semplice fatto che, nel caso uscissero foto con dominanti di colore, non saprò mai se si tratta della pellicola o è colpa del mio maldestro sviluppo.
Adesso non mi resta che raccogliere un pò di materiale (ergo scattare foto) e non troppo particolari, vista la probabilità di un insuccesso, altrimenti potrei anche restarci male.
Un intero processo è descritto in inglese dall’autore della foto di cui riporto i credit.
Chiunque voglia lasciarmi qualche consiglio, lo apprezzerei molto volentieri.
Per ora è tutto, al prossimo step.
photo credit ordfabriken
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Carl Zeiss ha rilasciato una nuova versione dei fantastici occhiali denominati cinemizer, appositamente studiati per riprodurre video dall iPhone, o ipod 3g, o qualunque altro con uscita video.
Sono occhiali molto funzionali, ergonomici, con auricolari regolabili, nasello (che non è un pesce) intercambiabile, come si può vedere dal video.
Indossarli, sarà come guardare uno scherlo da 45 pollici ad una distanza di circa 2 metri, sono dotati inoltre di regolazione diottrica per chi ha qualche problema di vista.
Saranno disponibili dal mese di maggio ad un prezzo di 427 euro.
interessante.
Via gadgetblog
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

« Older entries § Newer entries »