Blog

You are currently browsing the archive for the Blog category.

Due enormi braccia che escono dall’acqua e sostengono la facciata di Palazzo Morosini Sagredo, a Venezia, anche noto come Ca’ Sagredo.

Si tratta di una installazione di nome Support, dello scultore Lorenzo Quinn in occasione della 57ma Biennale di Venezia e  l’idea dello scultore, (figlio dell’attore Anthony Quinn), è quella di sensibilizzare il pubblico sul tema dei cambiamenti climatici.

L’opera è stata inaugurata il 13 maggio e sarà visibile fino al 26 novembre.

Il colpo d’occhio è abbastanza impressionante direi, o no?

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , ,

Peccato solamente per la pubblicità alla fine…
Immaginate di arrivare a Londra, con una accoglienza del genere…

Spettacolare

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: ,

Un augurio di un buon 2016 a tutti!

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , ,

Mi chiedo come sia possibile che in Italia possa esistere certa gentaglia, tra l’altro ignoranti da fare spavento…

E paradossalmente si professano pure cristiani.

Quelli andrebbero tutti presi a bastonate, altro che storie, è proprio vero, è la merda che risale il pozzo…

In questo video, tutto quello che in tv non vedrete mai (o quasi).

Disgusto

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , ,

Error 500

Dopo un aggiornamento a wordpress 4.2.4, ho avuto una serie di problemi con i plugin di questo blog, accedendo infatti alla pagina dei plugin, o dei temi, o ancora a quella per installarne dei nuovi, l’errore era sempre lo stesso, il fastidiosissimo “internal server error 500”.

Dopo prove su prove, reinstallazioni, downgrade, e dopo aver smoccolato come un beduino, ho scoperto la soluzione, imbattendomi in un post di Dega, che ringrazio, dove spiega che bastava semplicemente cambiare la versione di php.

Semplice no? (a saperlo…)

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , ,

(DANI POZO/AFP/Getty Images)

(DANI POZO/AFP/Getty Images)

Dedicato a noi, quelli che il 9 settembre 2006 hanno continuato a tifare
davanti ad un surreale Rimini-Juventus

Dedicato a noi, quelli che qualche mese dopo, hanno dovuto assistere alla
tripletta di Serafini in Brescia-Juventus

Dedicato a noi, che inebriati di amore abbiamo pensato di vedere in Amauri
il nuovo Trezeguet, in Krasic il nuovo Nedved e in Diego il nuovo Del Piero

Dedicato a noi, che abbiamo pianto davanti all’ultimo giro di campo di
Nedved e Del Piero

Dedicato a noi, che abbiamo visto Buffon imprecare nella propria area di
rigore durante una delle tante assurde gare della Juve di Ranieri

Dedicato a noi, che abbiamo dovuto assistere alla nostra rete violata da
bidoni, esordienti e meteore

Dedicato a noi, costretti ad assistere a squadre “miracolate” da calciopoli
e passaporti falsi, vincere perfino in Europa

Dedicato a noi, che la sera del 8 settembre del 2011 dinanzi alla nostra
nuova casa, abbiamo capito che la passione era diventata fede

Dedicato a noi, che una volta ritornati grandi in Italia, abbiamo ritrovato
l’unica cosa che l’altra metà dell’Italia è capace di fare: tirarci merda
addosso

Dedicato a noi, che abbiamo dovuto soffrire e rischiare per illeciti o
presunti tali, non di nostra competenza

Dedicato a noi, che una volta raggiunta la perfezione in Italia, abbiamo
sofferto per quella Europa così lontana, così maledetta

Dedicato a noi, che quando pensavamo di poter finalmente crescere, siamo
stati abbandonati da quello che pensavo fosse il nostro condottiero, in
maniera irresponsabile e scellerata

Dedicato a noi, che una volta abbandonati ci siamo ritrovati derisi,
preoccupati e pieni di paura

Dedicato a noi, che quando abbiamo visto per la prima volta Allegri varcare
lo J-Museum, abbiamo pensato malinconicamente: allora è tutto vero

Dedicato a noi, che per cercare di dare un senso alla follia del 15 luglio,
abbiamo creduto che quella appena passata, doveva essere l’estate delle
cessioni illustri, quello dello smantellamento

Dedicato a noi, che per troppo amore abbiamo creduto alla favola delle 10
euro

Dedicato a noi, che abbiamo ripreso a gustare quelle sensazioni che solo le
serate di coppa possono offrire

Dedicato a noi, che per timore e storia, quelle sensazioni le abbiamo
vissute in silenzio, piano piano, senza illuderci

Dedicato a noi, che ieri sera ci siamo abbracciati, abbiamo urlato, riso e
pianto, quasi sicuramente con quelle stesse persone con le quali, da quel 9
settembre del 2006, abbiamo sperato di poter rivivere queste emozioni

Dedicato a Trezeguet, Camoranesi, Buffon, Nedved e Del Piero, leggende
rimasti nella storia, per rifare la storia

Dedicato a Te, vecchia straordinaria signora, portaci dove vuoi verso le tue
conquiste…

tuttojuve

[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , ,

Di estrema attualità…

[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , ,

boy-suitcase-2
Una donna ispano-marocchina di 19 anni è stata fermata dalla polizia di frontiera, a Ceuta, un piccolo possedimento spagnolo, in suolo africano.
La scoperta stupefacente è che nel trolley nascondeva un piccolo migrante, Abou, un bambino di 8 anni, che se ne stava rannicchiato in mezzo ai vestiti…
Purtroppo le autorità sospettano che si possa trattare di un caso di traffico di minori…

Blogo
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , ,

« Older entries