ragioni

You are currently browsing articles tagged ragioni.

Esistono motivi di opportunità morale, prima che politica. Pressioni di alleati. Richieste formali degli oppositori politici. Spinte dell’opinione pubblica. Sollecitazioni della stampa. Sono tanti i percorsi che hanno portato i politici di mezzo mondo a rassegnare le dimissioni se coinvolti in scandali sessuali più o meno gravi.

Ilkka Kanerva, ministro degli Esteri del governo finlandese, sposato e padre di due figlie trentenni, è stato costretto a rassegnare le dimissioni, nell’aprile 2008, in seguito alle rivelazioni di una spogliarellista di 29 anni, che ha fatto sapere di essere stata bombardata di sms a sfondo sessuale. Solo sms.

Jin Renging, ministro delle Finanze del governo cinese si è dimesso nell’agosto del 2007 ufficialmente per ragioni personali. Secondo un giornale di Hong Kong, sarebbe legato costretto a rassegnare l’incarico a causa dello scandalo sessuale in cui era coinvolto con la sua amante.

Moshe Katsav, presidente dello Stato di Israele, si è autosospeso dall’incarico nel gennaio 2007 dopo uno scandalo sessuale. Andrzej Lepper, vicepremier e ministro dell’Agricoltura in Polonia, è stato licenziato dal Capo di Stato nel settembre 2006 a causa di uno scandalo sessuale. E si potrebbe continuare a lungo.

Il caso più celebre di tutti rimane quello del presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, coinvolto nel 1998 in un eclatante scandalo sessuale dopo le rivelazioni di Monica Lewinsky, una ex stagista della Casa Bianca.

Unità.it

Ora se un uomo politico si può permettere di fare regali ad una ragazzina, rendendo la cosa pubblica, causando le ire della moglie, che sembra in procinto di chiedere la separazione.
Se non ci sono gli estremi per le dimissioni…
Ah già, dimenticavo, siamo nel paese delle banane, pazienza…
Certo però che qua si rasenta la pedofilia, papi.
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ho deciso di postare periodicamente un video riguardante uno dei 30 diritti dell’uomo, presenti nella dichiarazione della quale ricorre in questi giorni l’anniversario della nascita.
Sono molto interessanti e spesso viene da chiedersi se sono veramente rispettati in Italia, o come sempre piu spesso accade tristemente calpestati.
Il sito di riferimento è youthforhumanrights e a seguito il testo integrale del secondo diritto che può essere riassunto in “Non discriminare”.

Articolo 2
1) Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione.

2) Nessuna distinzione sarà inoltre stabilita sulla base dello statuto politico, giuridico internazionale del paese o del territorio sia indipendente, o sottoposto ad amministrazione fiduciaria o non autonomo, o soggetto a qualsiasi limitazione di sovranità.


Pensando a fatti successi, come il pestaggio del giovane di colore a Parma, o peggio dell’uccisione a bastonate, per un ridicolo furto, di un altro giovane di colore, che cosa possiamo dire?
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Cinque ragioni per amare la fotografia tradizionale, su pellicola.

1 Aiuta la mente

e si evita di rivedere la foto appena scattata come si vede fare spesso, sopratutto se si usano fotocamere antiche, senza esposimetro, si è portati a ragionare sulla coppia tempi/diaframma rischiando altrimenti di vanificare tutto e di sprecare pellicola (e soldi) inutilmente.
Tiene quindi in allenamento la mente

2 Limite di scatto

A meno di non avere qualche scorta di rullini, si hanno in genere 36 scatti e naturalmente si cerca di esporli e di trarne il massimo profitto, in temine di risultato.
Anche se su 36 fotogrammi, di veramente buoni se ne dovrebbero salvare quando va bene 2 o tre, in caso contrario, molto probabilmente c’è un’errata valutazione delle foto da parte vostra, per vari motivi, ad esempio emozionali.
In pratica è praticamente impossibile ricavare 36 pose eccezionali da un rullino, nemmeno i grandi maestri ne sono in grado.
Con il digitale si tende a fare piu scatti di una stessa scena, mentre in analogico generalmente si tende a farne solo uno, max due, ecco quindi che risulta importante non sbagliare tempi e tutto il resto (ecco allora l’importanza del punto1).

3 Elementi casuali.

Sopratutto se si fotografa con le cosiddette “toy cam” come le holga e simili, si resta sempre o quasi sorpresi da elementi inaspettati che caratterizzano le foto, come ad esempio, dominanti di colore, vignettatura, o flare (riflessi di luce)

4 Bianco e nero realistico

Specie con fotocamere e obiettivi di prestigio, come Leica ad esempio si possono ottenere scale tonali di incomparabile bellezza, anche se il digitale ormai ci si avvicina molto, la pellicola mantiene ancora un certo fascino

5 il fattore romantico

Una cosa che spesso fa sentire sorpassati per non dire vecchi, infatti sono sempre piu i giovani propensi alle nuove tecnologie e al futuro anche in campo fotografico.
Vuoi mettere il buon vecchio rumore “clack” dell’otturatore che scatta? cosa che va sempre piu scomparendo, tanto che in alcune digitali viene riprodotto acusticamente, per i nostalgici…

Per concludere, posso solo dire che le cose che mi hanno portato a questo mio innamoramento per la fotografia analogica, sono il fatto di pensare prima di scattare, a diversi fattori, tempi, otturatore, distanza, e diverse altre cose.
Tutti fattori che in macchine piu moderne sono sopperite ad esempio da autofocus velocissimi che tolgono quasi ogni manualità al fotografo, al quale non resta che il compito di premere il pulsante di scatto.
Tutte comodità, è innegabile, ma che tolgono la soddisfazione di creare un qualcosa di unico come una bella foto.
Con questo voglio dire che non sono diventato nemico del digitale, anzi tutt’altro, non sono come certi puristi che lo evitano come la peste, sono semplicemente attratto da questo tipo di fotografia.

Ad ogni modo sono al mio terzo rullino che scatto con la mia voigtlander, ma non ho ricavato ancora un bel nulla, il primo si è rotto irrimediabilmente in riavvoglimento, il secondo non so per quale motivo non è riuscito nulla forse per infiltrazioni di luce, il terzo si è rotto di nuovo…

Ancora qualche tentativo e se non riesco prendo la macchinetta e la uso come un bellissimo fermacarte.

Molto liberamente tradotto da questo post.
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , ,