anobii

You are currently browsing articles tagged anobii.

Lo so il titolo ricorda molto il film La haine, ma nel mio caso riguarda tutt’altro, voglio dire che procede la ristrutturazione del blog, mi sto cimentando con i css, i plugin, i widget, e minchiate varie.
Tutto sommato direi che credevo peggio, anche se la cosa richiede parecchio tempo e sbattimenti, sta procedendo bene.
Mi piaceva molto il badge con le foto che cambiano, qui a fianco, e ho deciso di mettere quello di flickr con le foto di una gruppo, ma non riesco a ridimensionarle a dovere…
Oppure sempre il badge di Anobii che mostra i libri che sto leggendo, vorrei cercare di togliere la riga che fa da cornice, ma essendo il css su un loro sito, non credo propio di poterlo modificare, eppure prime c’ero riuscito…
Colgo l’occasione per chiedere, a chiunque legga queste righe, e se sa come fare, magari di contattarmi o di lasciare un commento, mi sarebbe di grande aiuto.
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Un libro, una raccolta di poesie di Patti Smith, e che entra di diritto nella mia wishlist di Anobii.

Auguries of innocence,Presagi di innocenza,è la straordinaria testimonianza dell’ultima scrittura poetica di Patti Smith.Dai tempi della bellissima raccolta Babel (1978) questa poesia si è in parte allontanata dal tono graffiante e diretto,spezzato e sconnesso,’punk’ nella forma e nella sostanza.Almeno all’apparenza si tratta qui di una poesia più ‘composta’,all’interno della quale le immagini ricorrono a una simbologia martellante più che a un groviglio di sensazioni e frammenti narrativi.Presagi di innocenza è per la Smith anche un irrinunciabile collegamento ad una certa tradizione americana: il suo tribute si compie passando per Blake e Lovecraft (espressamente dichiarati) o per le suggestioni provenienti da Jim Carroll e dalla Plath.

Artista di grande esperienza e sensibilità visionaria, abituata a sperimentareogni possibile commistione di suono e parola per raggiungere la massimaespressività in ogni genere, Patti Smith è “indefinibile per definizione” e hacontinuato negli anni a mescolare l’arte della parola con quella del canto, inmodo quasi magico, incantando nei decenni intere generazioni. Questa raccoltadecreta il suo ritorno alla poesia.
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Immagine di L'ombra del ventoUna mattina del 1945 il proprietario di un modesto negozio di libri usaticonduce il figlio undicenne, Daniel, nel cuore della città vecchia diBarcellona al Cimitero dei Libri Dimenticati, un luogo in cui migliaia dilibri di cui il tempo ha cancellato il ricordo, vengono sottratti all’oblio.

Inizia cosi il libro “l’ombra del vento” un racconto molto bello e appassionante di Carlos Ruiz Zàfon.
Ambientato in una Barcellona degli anni 30, con personaggi descritti in modo vivido, un libro scorrevole, e che fa pensare.
Mi riesce difficile parlarne senza rivelare la trama, vi consiglio comunque di leggerlo, non è (a mio avviso) un capolavoro assoluto, ma è pure sempre un bellissimo libro.
Ci ho messo un pò di tempo, ma l’ho finito, e d’ora in avanti ho deciso di bloggare i libri che leggerò, una funzione tra l’altro sempre esistita sul grandissimo Anobii, una fantastica comunità di bibliofili, sulla quale potrete osservare tutti i libri che ho letto, che leggerò in futuro, e dove si possono scoprire libri e autori molto interessanti.
Ecco la mia libreria.
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , ,