Libri

You are currently browsing the archive for the Libri category.

Oggi ricorre l’anniversario della morte di Don Andrea Gallo.

E vorrei ricordare i suoi 10 comandamenti tratti dal libro "sopra ogni cosa" che consiglio a tutti di leggere…

1 – Credi in te stesso.

2 – Sii ribelle, protesta, mugugna. Ma vai a votare, e mai a destra.

3 – Ricordati di pagare le tasse.

4 – coltiva la speranza nel tuo cuore.

5 – Rispetta la vita.

6 – Libera la tua sessualità.

7 – Sii giusto.

8 – cerca la verità dentro di te.

9 – Rispetta tua moglie/marito e la tua compagna/o.

10 – La politica la cambiamo noi. E’ ora che ci restituiscano il bottino.

Ciao Gallo…

[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , ,

Il nuovo libro di Enrique Metinides, fotografo messicano, classe 1934, vive e lavora a Città del Messico, dove ha fotografato incidenti, omicidi, e altri orrori metropolitani, è stato anche soprannominato il weegee messicano.


[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , ,

Chiamare qualcuno “compagno” significa attribuirgli non solo la convinzione politica, ma riconoscere un valore di umanità, di onestà, di generosità, di attendibilità, che nessun’altra parola poteva esprimere con uguale compiutezza».
Compagni: coloro che spezzano il pane, con tutti.

Tratto dal libro “Cosi in terra come in cielo” di Don Andrea Gallo
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , ,

“Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e i filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.
Bisogna capire cosa c’è dietro i fatti per poterli rappresentare. La fotografia – clic! – quella la sanno fare tutti.”
Tiziano Terzani

Un mondo che non esiste più
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: ,

Un libro, una raccolta di poesie di Patti Smith, e che entra di diritto nella mia wishlist di Anobii.

Auguries of innocence,Presagi di innocenza,è la straordinaria testimonianza dell’ultima scrittura poetica di Patti Smith.Dai tempi della bellissima raccolta Babel (1978) questa poesia si è in parte allontanata dal tono graffiante e diretto,spezzato e sconnesso,’punk’ nella forma e nella sostanza.Almeno all’apparenza si tratta qui di una poesia più ‘composta’,all’interno della quale le immagini ricorrono a una simbologia martellante più che a un groviglio di sensazioni e frammenti narrativi.Presagi di innocenza è per la Smith anche un irrinunciabile collegamento ad una certa tradizione americana: il suo tribute si compie passando per Blake e Lovecraft (espressamente dichiarati) o per le suggestioni provenienti da Jim Carroll e dalla Plath.

Artista di grande esperienza e sensibilità visionaria, abituata a sperimentareogni possibile commistione di suono e parola per raggiungere la massimaespressività in ogni genere, Patti Smith è “indefinibile per definizione” e hacontinuato negli anni a mescolare l’arte della parola con quella del canto, inmodo quasi magico, incantando nei decenni intere generazioni. Questa raccoltadecreta il suo ritorno alla poesia.
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Scuola 2.0

In questi giorni si fa un gran parlare di libri scolastici, e della relativa spesa nell’acquistarli, cosa non da poco, e che pesa sul bilancio delle famiglie meno abbienti.
Oltretutto i testi spesso cambiano da un anno all’altro, con relativa bisogno di adeguarsi.
Ma se veramente viviamo in un epoca dove la tecnologia la fa da padrona, quello che mi chiedo io è, ma non sarebbe tutto piu semplice, mettendo i testi online e facendo lezione in aula attraverso un pc e proiettore da parete?
Ovviamente i capitoli che interessano sarebbero poi stampati e distribuiti agli alunni, o anche su cdrom,  il tutto usando applicazioni open-source cosi da non costringere nessuno a comprare software proprietari per non infrangere copyright vari e altre amenità.
Il risparmio sarebbe evidente sotto alcuni aspetti,

1 Risparmio di materiale cartaceo, un testo consultabile online, è valido per tutta Italia, anzi per il mondo intero, preservando cosi un pezzo di Amazzonia.

2 I ragazzi non dovrebbero portare piu pesi, basterebbe qualche quaderno per prendere appunti, risparmiando cosi su zaini e cancelleria varia.

3 Del resto chi mai ha letto o usufruito di un testo scolastico completamente? in ogni sua parte o capitolo?
nessuno

E quello che in sintesi fa ogni navigatore di internet quando è alla ricerca di qualche informazione, si stampa semplicemente le cose che interessano, non è che ci si stampa un libro intero, o no?
Per contro capisco che questa semplice mia idea, contrasti non poco quella degli editori e degli operatori del settore.
E comunque il rimedio di fotocopiarsi capitoli di libri, esiste da sempre…

Ditemi se sbaglio.

foto credit Areldos

[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: ,

Una cosa che potrebbe risultare molto utile per i politici italiani, sempre ammesso che non ci sputino sopra, o la adoperino per andare in bagno, come farebbe quell’ imbecille di Bossi.
Una iniziativa promossa da Utet, casa editrice torinese, che per il 60 anniversario della Costituzione Italiana, regalerà una copia della Costituzione a chiunque ne faccia richiesta al numero verde 800/224664.
Una ottima occasione per istruire i nostri governanti, e sopratutto i nostri nani, che vorrebbero cambiarla, ma anche ogni singolo cittadino.
Lodevole iniziativa.

Aggiornamento.
Manco a farlo apposta leggo sul blog di Beppe Grillo che il 13 marzo 2006, durante il primo governo del nano, è stato modificato l’art. 283 della Costituzione, che diceva:

‘Chiunque commette un fatto diretto a mutare la costituzione dello Stato, o la forma del Governo, con mezzi non consentiti dall’ordinamento costituzionale dello Stato, è punito con la reclusione non inferiore a dodici anni.’
E’ stato modificato in:
‘Chiunque, con atti violenti, commette un fatto diretto e idoneo a mutare la Costituzione dello Stato o la forma di governo, è punito con la reclusione non inferiore a cinque anni’.”

Questo significa che si può sovvertire corrompendo, e quando un giorno, (perchè prima o poi la giustizia vincerà) qualcuno gli presenterà il conto, non potranno essere condannati, perchè tutto legale.
Qualcuno forse se n’era accorto di questa modifica?
Vuoi che Emilio Fede non ne abbia menzionato nel suo tg di merda?
Qua ci vuole una rivoluzione (non violenta)

colpetto di stato

via booksblog (la prima parte)
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , ,

« Older entries