dito

You are currently browsing articles tagged dito.

Invece probabilmente la farà franca, e crede di prendere in giro tutti con assurde motivazioni…

La tesi del ministro è fantastica. In sostanza dice: Io credevo che la casa costasse 610 mila euro. Mai saputo che costasse di più. Se qualcuno ha versato alle venditrici altri 900 mila euro, lo ha fatto senza dirmelo.

In altre parole, lui nel 2004 avrebbe acquistato un appartamento di quasi 200 metri quadri davanti al Colosseo convinto che costasse 610 mila euro: né le proprietarie dell’immobile, né il notaio, né altri gli avrebbero detto il vero prezzo della casa, un milione e mezzo di euro.

Intendiamoci, questa tesi difensiva era l’unica possibile, dopo quello che è emerso nei giorni scorsi, incluse le tracce degli assegni stessi e le testimonianze delle due venditrici. Facendola sua, Scajola tenta di rovesciare il tavolo: ora qualcuno deve dimostrare che io sapevo, è la vostra parola contro la mia.

Tuttavia la spiegazione del ministro è talmente illogica e inverosimile da far sorridere: lui così ignaro del mercato immobiliare a Roma (un ministro economico!) da pensare di poter davvero comprare 200 metri quadri al Colosseo per il prezzo di un trilocale al Fleming; la parte venditrice e il notaio che gli tengono accuratamente nascosta la verità; l’imprenditore Anemone che ci mette 900 mila euro in più senza nemmeno farlo sapere al suo beneficiato (e allora perché glieli avrebbe regalati, se non per acquistare la sua gratitudine o per pagare vecchi debiti?).

In America – ma probabilmente anche in India – una tesi difensiva così ridicola porterebbe alle dimissioni un secondo dopo, a furor di popolo: perché non solo ha preso una valanga di soldi da un imprenditore, ma ha preso pure tutti noi per fessi completi.

Invece Scajola ci ha provato, e probabilmente la farà anche franca. Perché il suo capo gli ha insegnato che da noi non c’è un’opinione pubblica, quindi non ci sarà nessuna reazione o quasi. Lui continuerà a sostenere imperterrito la sua assurda tesi, come se fosse verosimile, e a fare il ministro.

Se ci ha preso per fessi, è perché forse lo siamo.

Vergogna!
Dimissioni subito!
via Piovono rane

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Minchiate…
Ora Maroni se ne esce col fatto che vuole o ha addirittura oscurato i siti dove si istiga alla violenza, però mi piacerebbe rispondesse ad una domanda.

Come mai non ha mai mosso un dito prima nei confronti del suo partito che da decenni istiga alla violenza e all’odio razziale coi vari Bossi, Borghezio e compagnia bella?
Come mai sono anni che girano questi video su youtube e non succede nulla?
Due pesi due misure?
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , ,

Nuovi orizzonti

Ultimamente sto trascurando un pò il blog, vuoi per scarsità di idee e spunti, vuoi per la mia nuova scimmia che mi ha preso, ovvero quella di mettermi a stampare le fotografie in casa, proprio come un vero fotografo, che ovviamente non sarò mai…
Ecco allora che partono ricerche infinite su ebay, per l’ingranditore, a prezzo economico, spese folli su materiali,carta, acidi, e tentativi di adibire il vecchio garage polveroso a camera oscura con tanto di mitica lampadina rossa.
Ci sono dentro fino al collo.
Vi terrò informati, e lo dico ai 4 gatti che ancora mi leggono…
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Thoughts dot com

Questa sera vorrei scrivere qualcosa a riguardo di questo sito, thoughts.com (è una marchetta, ma non ditelo a nessuno…).
Cos’è Thoughts.com?
E’ una community online al 100% free, ossia completamente gratuita, con alcune caratteristiche particolari difficilmente riscontrabili in altre community simili, come banda illimitata, per fare blogging, pubblicare articoli, testi, caricare e condividere video,foto, podcast, forum e altro ancora.
Una comunità online sulla quale incontrarsi virtualmente e discutere di tutto condividendo le proprie esperienze con il resto del mondo.
Thoughts.com è stata fondata da Ben Ogden, un imprenditore e ossessivo di Internet, ha iniziato lo sviluppo della comunità thoughts.com con una visione diventata poi un veicolo per contribuire a cambiare il mondo in modo positivo.
Oltre a lavorare su thoughts.com, Ben è appassionato di Famiglia, Film, Musica, Snowboard, e di viaggi.
Shannon Jones è nota anche come “thoughts_staff” su Thoughts.com e lavora per mantenere pulito il sito da fastidioso spam e agisce come un andare tra i membri e per i pensieri Tech Team. A parte la sua responsabilità sulla Thoughts.com, Shannon e suo marito, Ryan, proseguire la loro attività creativa passioni di New York.
Per diventare un membro di thoughts.com, basta ovviamente come prima cosa iscriversi e vi verranno messi a disposizione tutti i mezzi per fare upload e scrivere testi.
Un tour esplicativo è disponibile sulla loro homepage.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Calendari

Un paio di segnalazioni riguardo a calendari, la prima riguarda il calendario 2009 di Greenpeace, che non è gratuito, ma occorre divenire sostenitori con la somma di 15 euro.
Le fotografie sono spettacolari!

“Standing up of the Earth” è il calendario 2009 a marchio Greenpeace, stampato su carta riciclata sbiancata senza cloro. Ogni mese dell’anno è accompagnato da meravigliose immagini del nostro Pianeta. Il Pianeta cheda anni Greenpeace difende promuovendo un futuro verde e di pace.

Per ordinare il calendario contatta il nostro servizio sostenitori all’indirizzo email serviziosostenitori@greenpeace.it o telefonicamente al numero 06.68136061 int. 223. Il pagamento può essere effettuato con carta di credito, oppure con bollettino postale tramite donazione sul nostro c/c 67951004 (causale ‘Calendario 2009’) e inviandoci copia della  ricevuta del versamento all’indirizzo: Servizio sostenitori – Greenpeace Onlus Piazza Dell’Enciclopedia Italiana 50 00186 Roma, oppure al numero di fax: 06.45439793.

Il prezzo è di € 15,00.

La seconda segnalazione, riguarda sopratutto appassionati di fotografia di alto livello, è infatti uscito il calendario 2009 di Leicapassion scaricabile gratuitamente al sito dopo essersi registrati.

Ovviamente in giro per la rete, visto il periodo, se ne troveranno a quintali, e se avrò occasione di scovarne qualcuno interessante, non mancherò di segnalarvelo, restate sintonizzati quindi!
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Non ho piu parole per descrivere o meglio, ne avrei ma per insultare questo governo di buffoni.

Cioè fatemi capire, si tagliano i fondi per la scuola e le università e si erogano “buoni vacanze” per le famiglie meno abbienti?
Ditemi che sto sognando vi prego…

E’ divenuto esecutivo, a seguito del parere favorevole della Corte dei Conti, il decreto varato dal sottosegretariato alla Presidenza del Consiglio con delega al turismo, Michela Vittoria Brambilla.

Il decreto stabilisce l’erogazione di “buoni vacanze” da destinare alle famiglie disagiate. Il contributo statale verrà erogato in proporzione al reddito ed al numero dei componenti del nucleo familiare. I parametri saranno i seguenti:

1- per l’unità singola il bonus dello Stato sarà, per un tetto di spesa non superiore a 500 euro, del
45, 30 e 20 per cento per redditi che non superino rispettivamente i 10, 15 e 20 mila euro l’anno.
2-per due unità familiari, il contributo avrà identiche proporzioni ma per redditi fino a 25 mila euro e
per un tetto massimo di spesa di 785 euro.
3- per tre unità familiari il bonus, per redditi non superiori a 30 mila euro l’anno, sarà calcolato su un
totale di spesa di 1020 euro.
4- Per le famiglie composte infine da quattro o più unità e con reddito complessivo fino a 35 mila euro
il contributo potrà incidere, sempre nelle stesse proporzioni, su un tetto massimo di spesa di 1230
euro.

Continua…
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Oggi mi sono perso le qualifiche del Gran Premio di Formula 1 sul nuovo tracciato di Valencia, ho letto che la pole è andata a Massa e Hamilton è secondo.
Quello che però io mi chiedo è come si possa pensare di progettare o concepire o solamente adattare un circuito per una gara con dei muretti cosi vicini, ma le vie di fuga dove sono?
In caso di incidente si innesca una carambola da un muretto all’altro, piuttosto pericolosa, considerando che si tratta di un circuito piuttosto veloce.
E’ davvero inaudito, e poi hanno cancellato Imola perchè pericoloso?
Ecclestone? mavaff…va!
Guardate voi stessi.


Speriamo che domani non succeda nulla di grave, ma io ho comunque l’impressione che sarà una gara piena di incidenti, caratterizzata dall’entrata in pista della safety-car, una sorta di corsa a sfascio.
Scommettiamo?
[ad#ad-1]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutubeby feather

Tags: , , , , , , , ,

« Older entries